Parliamo di:
Bellezza delle Donne

 

 

Sono una visagista per passione, perfezionata attraverso corsi ed esperienze lavorative.

Sull’argomento della bellezza femminile si scontrano ormai da alcuni anni due opposte correnti di pensiero. La prima, che vede a capo il sociologo Marvick, che sostiene che essa e’ un attributo epidermico universale, assoluto e non in relazione alle diverse epoche e culture: in esse il valore dato alla bellezza rimane inalterato.

La seconda che si oppone a questa, sostenuta da una famosa scrittrice Naomi Wolf  che ritiene che la bellezza femminile sarebbe una rappresentazione sociale che assume la forma di mito e che impone alle donne di rincorrere tale mito, creando competizione e stress psicologico.

Da amante dell’armonia estetica, mi distacco da tutte quelle teorie che vogliono fare sembrare la bellezza motivo di orgoglio solo per quelle persone che credono di possederla, uomini e donne, e di mito da rincorrere per altre.

La bellezza non e’ solo un dono Divino, avuto solo da pochi.

La bellezza deve venire dalle capacita’ individuali di comunicare espressivamente emozioni, desideri, segnali.

La cosmesi non deve coprire le dissonanze estetiche, o cercare di far diventare belli visi imperfetti.

Il compito della cosmesi e’ quella di esaltare l’armonia di forme che il viso delle donne possiede con i colori che suonano piu’ dolci per l’occhio di chi li guarda: il trucco da’ luce allo sguardo, al sorriso, a quella sensualita’ spontanea e non voluta che ogni donna, che si sente valorizzata, emana.

Il trucco inoltre, aiuta a migliorare la propria pelle e puo’ aiutare a creare una migliore personalita’.

Il visagista deve essere in grado di studiare per ogni donna un completo coordinamento estetico considerando oltre che al trucco, anche il trattamento dei capelli,individuando il colore ed il taglio piu’ adatti, in relazione ai tratti somatici.

Si è belle se si vuole esserlo!
 
  Vai articolo odierno           torna su